back

Percorso: "I vecchi rioni e le loro fontane"

Esiste un modo tutto particolare per scoprire gli angolini più suggestivi della borgata di Tione, passeggiare alla ricerca delle fontane storiche nei diversi rioni, alla scoperta delle tracce del passato che ancora sono presenti e raccontano gli usi e i costumi di una volta delle genti di Tione.

È difficile oggi capire l’importanza e il ruolo che le fontane rivestivano nel passato, dato che sono elementi meramente ornamentali delle maggiori piazze delle nostre città, ma un tempo erano i luoghi dell’aggregazione e della socializzazione, i posti dove le donne si trovavano a lavare i panni, ma anche a conversare e spesso con i loro bambini che così potevano giocare tra loro.

Erano anche i luoghi dove poter attingere, con i secchi, l’acqua potabile da portare nelle abitazioni e nei cui bacini di raccolta si abbeverava il bestiame.

Bisogna tener presente che i centri abitati, nel passato sorgevano a ridosso di sorgenti dove poter procacciare l’acqua di cui qualsiasi popolo necessita per vivere.

Così Tione, posto in una Busa, ha goduto per secoli dei rivi che scendevano dalle propaggini granitiche dell’Adamello, prima e poi anche delle pendici calcaree del versante opposto.

Già nel 1502 si trovano testimonianze della presenza di 3 acquedotti: uno per le acque del torrente Maftina per le frazioni di Villa, Pleù e Sivrè; uno per la sorgente Fontanella che forniva il rione di Cantes; ed uno per l’acqua proveniente da Bolbeno per Brevine.

Le fontane storiche a Tione sono 8.

Partendo da Brevine, il centro storico della borgata, si trova la fontana di piazza Marconi, che si presenta divisa in due vasche: la fontana classica con attiguo il lavatoio, dotato di una piccola tettoia per riparare le lavandvalli giudicarie tione di trento 02aie nelle giornate di pioggia. La fontana si trova adiacente a Piazza Guido Boni, sulla quale si affacciava il Tribunale e da cui parte via dei Monti che ci condurrà alla meta successiva: la fontana del quartiere di Cantes. Questa è la fontana posta più in alto della borgata ed è alimentata da una sorgente, la Fontanella, che sgorga poco sopra l’abitato. La fontana in pietra, era in origine divisa in due sezioni: una per abbeverare gli animali e l’altra per lavare i panni. Si prosegue verso il rione delle Ville, nella parte alta, dove si trova la Fontana dei Bigolot e il Lavandin dei Boron e la fontana della piazza dei Mazzè, posizionata nella piazza centrale del rione più popoloso di Tione.

Seguendo via Cavour si raggiunge facilmente il quartiere di Pleù, dove si trova una grande piazza al centro della quale venne costruita una fontana in pietra nel 1867. La fontana è caratterizzata da un’alta colonna in granito ed è affiancata un elegante affresco votivo raffigurante una sacra conversazione del 1895.

Proseguendo per il vicoletto a sinistra si giunge a “Sivrè”, nella cui piazza si trova la fontana del rione, costruita, come quella di Pleù, con il nuovo abitato sorto dopo l’incendio del 1871. Tra i due rioni si trova la fontana che storicamente serviva entrambe le frazioni.


Scopri le nostre leggende:


Omnibus:


Percorsi d'interesse:

mappa

La nostra Valle

Qui, Natura e Tradizione sono di casa...

Le Valli Giudicarie Centrali, immerse in un paesaggio piacevolmente alpestre, in posizione soleggiata e circondate da alte cime, sono il luogo ideale per vivere e sentire la montagna in tutta la sua bellezza.  Basta, poi, indossare un paio di scarponcini e scegliere un punto qualsiasi della valle, per iniziare avventure per piccoli e grandi esploratori.
A fondo valle si trovano i sette paesi: Bolbeno, Breguzzo, Montagne, Preore, Ragoli, Tione di Trento, Zuclo, con gli affascinanti e tradizionali borghi rurali, che nascondono tanti segreti e un’infinità di particolari.
Ecco, le Valli Giudicarie Centrali danno proprio questo: la sicurezza di vivere una vacanza a contatto con la natura, la possibilità di facili escursioni, la tranquillità di paesi dalle solide tradizioni, il piacere della cordialità e di un ambiente a misura d'uomo, anzi, a “misura di famiglia”.
cr-adamello altosarca pnab dolomitibrentabike dolomitibrentatrek visitchiese

Grazie

Grazie per la tua iscrizione!

Iscriviti alla nostra newsletter


Annulla
close

Credits

Kumbe e Giudicare Centrali hanno collaborato per rendere possibile questo progetto web.

Design & Sviluppo:
Destination Management System:
Photography:
Autori vari
Videoediting:
Autori vari
close

Richiesta informazioni


CHIUDI