VALLI GIUDICARIE


Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali


GUESTCARD TRENTINO

IN AUTO
Arrivando da nord o sud con l’Autostrada A22 del Brennero, uscita Trento Centro. Proseguire poi per la strada statale SS 45 in direzione Sarche, continuare quindi su SS 237 del Caffaro in direzione Madonna di Campiglio. Arrivati a Tione di Trento, alla rotatoria, proseguire diritto e ci trovi sulla destra.
Arrivando da est o ovest con l’Autostrada A4 Milano-Venezia, uscita Brescia Est. Proseguire poi per strada statale SS 45bis in direzione Salò – Lago d’ Idro. Continuare quindi su SS237 in direzione Madonna di Campiglio. Arrivati a Tione di Trento, alla rotatoria, girare a sinistra e ci trovate sulla destra.

IN TRENO
Dalla Stazione FS di Trento, portarsi alla vicina (100 metri) stazione autobus di linea. Prendere il pullman per Madonna di Campiglio e scendere a Tione di Trento (stazione corriere).
Dalla Stazione FS di Brescia portarsi all’adiacente stazione autobus. Prendere il pullman per Vestone e poi cambiare con pullman in direzione Madonna di Campiglio. Scendere a Tione di Trento (stazione corriere).

IN AEREO
Aeroporti più vicini: Catullo di Verona, Brescia Montichiari, Milano Linate e Bolzano.

Ufficio Turistico Giudicarie Centrali
via Damiano Chiesa, 3 - 38079 - Tione di Trento
Tel. 0465.323090 - Fax 0465.324140
info@visitgiudicarie.it
Orari d’apertura:
Dal lunedì al sabato: dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00.
In periodo di alta stagione aperto anche la domenica dalle 09.00 alle 12.00

Ufficio Turistico punto info Breguzzo
Via Roma, 228 - Sella Giudicarie (Breguzzo)
Telefono e fax 0465.901417
info@visitgiudicarie.it

Solo apertura stagionale.

×
www.ilmeteo.it Homapeg
booking online: N. adulti:
territorio - paesi - Tre Ville
Torna
Tre Ville

Tre Ville nasce dalla fusione dei tre ex comuni: Montagne, Preore e Ragoli.
Il paese di Montagne è geograficamente parte della dorsale del Gruppo di Brenta. Caratteristica della zona è la presenza di aree prative d’alta quota con insediamenti sparsi (le cosiddette “case da mont”) localizzati nella zona del Passo Daone e del Monte Amolo sul versante sud-ovest del Durmont e a monte dell’abitato di Binio.
Il comune di Montagne è costituito dalle tre frazioni di Cort, Larzana e Binio.
L’ospite trova in Montagne un più genuino contatto con la natura in un ambiente praticamente intatto e ammirare superbi panorami dalle cime più elevate che offrono scorci suggestivi.

Sulla sponde sinistra del fiume Sarca, che rappresenta l'elemento di unione di tutta la zona, ai piedi del monte Amolo (1332 m s.l.m.) troviamo Preore, dotato di un clima particolarmente mite dovuto alla sua felice esposizione a sud est.
Nel secolo XV era la località più importante della vallata. Fu sede del Vicario del principe Vescovo per le Giudicarie e sede del Tribunale con competenza civile.
Ora il paesino invita l'ospite a facili e distensive passeggiate e si propone come meta ideale per cicloturisti alla scoperta di strade secondarie poco frequentate. A disposizione del turista vi sono anche un attrezzato percorso vita, una palestra di roccia ed il parco "al Poz".

Ragoli è situato sulla sinistra orografica del fiume Sarca, ai piedi del monte Irone (1864 m s.l.m.) e all’imbocco della Val D’Algone, che costituisce il principale accesso al Parco Naturale Adamello-Brenta da sud-est.
Coltura e Pez sono le due piccole frazioni che completano il Comune di Ragoli, mentre il "nucleo centrale" è a sua volta formato da quattro agglomerati: Fevri, Vic, Bolciana e Baltram.
Nel secolo scorso il paese di Ragoli era noto per le sue cave ricche di marmo nero, che veniva utilizzato nella costruzione di chiese. Importanti, a Ragoli, anche i dipinti dei Baschenis presenti nella cappella del locale cimitero. Da ricordare i villaggi di Iron e Cerana, disabitati dal 1630, quando la peste uccise tutti gli abitanti, rimasti ancora inalterati nella loro struttura urbanistica ed architettonica.
Nel 1993 Ragoli è stato vivacizzato ed impreziosito da numerosi graffiti ed affreschi realizzati sulle pareti esterne di alcuni edifici per opera di un gruppo di artisti provenienti dalla Accademia delle Belle Arti di Brera.