VALLI GIUDICARIE


Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali


GUESTCARD TRENTINO

IN AUTO
Arrivando da nord o sud con l’Autostrada A22 del Brennero, uscita Trento Centro. Proseguire poi per la strada statale SS 45 in direzione Sarche, continuare quindi su SS 237 del Caffaro in direzione Madonna di Campiglio. Arrivati a Tione di Trento, alla rotatoria, proseguire diritto e ci trovi sulla destra.
Arrivando da est o ovest con l’Autostrada A4 Milano-Venezia, uscita Brescia Est. Proseguire poi per strada statale SS 45bis in direzione Salò – Lago d’ Idro. Continuare quindi su SS237 in direzione Madonna di Campiglio. Arrivati a Tione di Trento, alla rotatoria, girare a sinistra e ci trovate sulla destra.

IN TRENO
Dalla Stazione FS di Trento, portarsi alla vicina (100 metri) stazione autobus di linea. Prendere il pullman per Madonna di Campiglio e scendere a Tione di Trento (stazione corriere).
Dalla Stazione FS di Brescia portarsi all’adiacente stazione autobus. Prendere il pullman per Vestone e poi cambiare con pullman in direzione Madonna di Campiglio. Scendere a Tione di Trento (stazione corriere).

IN AEREO
Aeroporti più vicini: Catullo di Verona, Brescia Montichiari, Milano Linate e Bolzano.

Ufficio Turistico Giudicarie Centrali
via Damiano Chiesa, 3 - 38079 - Tione di Trento
Tel. 0465.323090 - Fax 0465.324140
info@visitgiudicarie.it
Orari d’apertura:
Dal lunedì al sabato: dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00.
In periodo di alta stagione aperto anche la domenica dalle 09.00 alle 12.00

Ufficio Turistico punto info Breguzzo
Via Roma, 228 - Sella Giudicarie (Breguzzo)
Telefono e fax 0465.901417
info@visitgiudicarie.it

Solo apertura stagionale.

×
www.ilmeteo.it Homapeg
booking online: N. adulti:
territorio - paesi - Tre Ville
Torna
Passeggiate nelle Valli Giudicarie Centrali

Da Larzana: visita alla vecchia segheria
Breve itinerario di archeologia industriale, la passeggiata offre la possibilità di visita ad una delle poche segherie ad acqua tuttora funzionanti.
Si parte dal centro dell'abitato di Larzana, in prossimità della sede municipale, si imbocca la stradina che scende per il nucleo storico dell'abitato e quindi spianando si addentra tra i campi e gli orti che cingono il paese. La stradina prosegue poi ancora in discesa e dopo aver superato il rio Daone, si imbocca, al successivo bivio, la strada di destra e sempre in discesa si giunge dopo circa 400 metri alla località "Seghe". La segheria, composta da un caseggiato basso interamente costruito in legno, è situata parallelamente al rio Manez, le cui acque muovono la gigantesca ruota ben visibile sulla parte esterna del manufatto. Risalendo per la via del ritorno e piegando al primo bivio a destra, dopo circa 400 metri si raggiunge l'edificio del vecchio mulino al cui interno funzionava anche un panificio. Tempo di percorrenza complessivo circa 45 minuti.

Amolo, Doss da Part, Passo Daone
Superato l'abitato di Binio e giunti al limitare dei prati del Passo Daone, si piega verso destra imboccando la stradina che si scorge prima di alcune recenti costruzioni sul lato sinistro (per chi sale) della strada. Imboccata la strada, dopo un susseguirsi di brevi salite il percorso si fa più dolce, spianando decisamente; piegando a sinistra al primo bivio, in breve si giunge all'amena spianata dell’”Amolo" che offre un piacevole panorama sulle innevate cime del Gruppo dell'Adamello.
Ritornati sui propri passi, al bivio precedente, si piega a sinistra avendo l'accortezza di imboccare quasi subito il tratto di strada che salendo leggermente si addentra in un fitto bosco. Si giunge così, superato il limitare del bosco, alla località "Doss da Part", stupenda balconata sul Gruppo del Carè Alto. Il sentiero piega verso sinistra e si imbocca la traccia ben visibile che conduce in prossimità dell'albergo Capanna Durmont al Passo Daone. Tempo di percorrenza complessivo 1 ora e trenta minuti.

La strada dei “Cavai”
Dal paese, verso ovest, si può percorrere la strada dei “Cavai” parallela alla S.P. per la Val Rendena. E’ una passeggiata facile, distensiva, in mezzo ai pini, ai piedi del monte Bastia, tutta pianeggiante per un percorso di 4 km fra andata e ritorno. Su parte del sentiero è stato allestito anche un percorso vita. Tempo presumibile 1.30.

Sentiero della Scaletta
Il sentiero della “Scaletta” (o dei “montagnoi”) si dirama dalla strada dei “Cavai” nei pressi del campo sportivo di Sesena e raggiunge il Comune di Montagne con un dislivello di 400 m. Si può raggiungere anche da Preore in località “Pineta” e dalla S.P. di Montagne al tornante “Busa dela volp”. A metà percorso esiste una piazzola con parapetto: un punto panoramico dal quale si può ammirare tutta la “Busa” di Tione. Questo è l’antico sentiero con cui gli abitanti di Montagne erano soliti recasi a Tione, quando ancora non esistevano i moderni mezzi di trasporto. Tempo di percorrenza 1 ora e 40 minuti.

Da Preore verso Ragoli
Preore - Bustòn - Spiazòi - Cimitero Ragoli - Preore. Passeggiata non impegnativa con un percorso di circa ore 1.30. Al Buston è possibile ammirare un fabbricato avente le caratteristiche dell’edilizia prettamente giudicariese. Al cimitero di Ragoli alcuni affreschi del pittore Baschenis (XV secolo).

Passeggiata lungo il Sarca e pista ciclabile.
Da Preore - Ponte sul Sarca - Azienda F.lli Leonardi - Rio Manez - Preore. Passeggiata di breve durata con possibilità di sosta all’azienda agricola F.lli Leonardi ed al parco giochi al “Poz”. Durata circa un’ora.
Per chi vuole allungare il percorso si può proseguire in direzione di Ragoli fino a raggiungere il laghetto di Ponte Pià oppure in direzione di Tione fino ad arrivare nei pressi del centro sportivo di Sesena.

Cerana e Ancis
Partendo dal piazzale della chiesa parrocchiale si sale fino a Bolciana e quindi percorrendo la strada d’origine romana che congiungeva stenico alla Val Rendena si arriva a Cerana. Da qui si può proseguire fino a raggiungere i masi di An Nova e quindi di Ancis. A metà strada s’incontra il Capitel del Bafal posto in una posizione particolarmente panoramica e nelle vicinanze della cava di marmo nero.

Pez ed il lago di Ponte Pià
Partendo da Ragoli si imbocca la strada provinciale 120 con direzione Trento, dopo circa dieci minuti di cammino si incontra sulla destra la chiesetta della Madonna dell’Aiuto. Proseguendo per la stradina asfaltata che si diparte a sinistra, costeggiando prati e campi in venti minuti si raggiunge Pez, pittoresca frazione del comune di Ragoli. Seguendo ora la pista ciclabile lungo la campagna di pec si raggiunge in 25 minuti circa il bacino artificiale di Ponte Pià. Qui scende il rio della Val d’Algone che segna il confine col comune di Stenico. La piccola spiaggetta con pontile in legno e zona pic-nic durante i mesi estivi è meta di turisti e soprattutto di pescatori. Ritorno per la stessa strada. Tempo di percorrenza complessivo 1 ora e 15 minuti.

Sentiero del Pik
Si tratta di un itinerario circolare. Partendo da Ragoli in leggera salita si percorre il tratto della strada provinciale 34 che congiunge l’abitato alla frazione di Coltura. Dopo circa 10 minuti di cammino si incontra sulla destra la cappella della Madonna Addolorata, la strada prosegue fiancheggiata da prati, vigneti e alberi da frutto e attraversato un ponticello entra a Coltura.
A monte dell’abitato si imbocca il “senter dal Pik” che in circa 25 minuti riporta a Ragoli. Dopo un ponticello in legno il sentiero affianca la casa in località Pik, proseguendo si incontra un bel punto panoramico. Il sentiero come la strada si snoda in posizione soleggiata. Si termina sboccando a Bolzana. Tempo di percorrenza 45 minuti circa.

Iron
Partenza a monte dell’ultima casa ad est della frazione di Coltura. Una parte del sentiero è di comoda percorribilità mentre la parte centrale è discretamente ripida ma con vista panoramica sul Lago di Ponte Pià e sulla Busa di Tione. Arrivo al villaggio fantasma di Iron. Tempo di percorrenza 45 minuti circa.