VALLI GIUDICARIE


Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali


GUESTCARD TRENTINO

IN AUTO
Arrivando da nord o sud con l’Autostrada A22 del Brennero, uscita Trento Centro. Proseguire poi per la strada statale SS 45 in direzione Sarche, continuare quindi su SS 237 del Caffaro in direzione Madonna di Campiglio. Arrivati a Tione di Trento, alla rotatoria, proseguire diritto e ci trovi sulla destra.
Arrivando da est o ovest con l’Autostrada A4 Milano-Venezia, uscita Brescia Est. Proseguire poi per strada statale SS 45bis in direzione Salò – Lago d’ Idro. Continuare quindi su SS237 in direzione Madonna di Campiglio. Arrivati a Tione di Trento, alla rotatoria, girare a sinistra e ci trovate sulla destra.

IN TRENO
Dalla Stazione FS di Trento, portarsi alla vicina (100 metri) stazione autobus di linea. Prendere il pullman per Madonna di Campiglio e scendere a Tione di Trento (stazione corriere).
Dalla Stazione FS di Brescia portarsi all’adiacente stazione autobus. Prendere il pullman per Vestone e poi cambiare con pullman in direzione Madonna di Campiglio. Scendere a Tione di Trento (stazione corriere).

IN AEREO
Aeroporti più vicini: Catullo di Verona, Brescia Montichiari, Milano Linate e Bolzano.

Ufficio Turistico Giudicarie Centrali
via Damiano Chiesa, 3 - 38079 - Tione di Trento
Tel. 0465.323090 - Fax 0465.324140
info@visitgiudicarie.it
Orari d’apertura:
Dal lunedì al sabato: dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00.
In periodo di alta stagione aperto anche la domenica dalle 09.00 alle 12.00

Ufficio Turistico punto info Breguzzo
Via Roma, 228 - Sella Giudicarie (Breguzzo)
Telefono e fax 0465.901417
info@visitgiudicarie.it

Solo apertura stagionale.

×
www.ilmeteo.it Homapeg
booking online: N. adulti:
territorio - paesi - Borgo Lares
Torna
La Madonna del Lares

Quando, come ogni giorno, i pastori di Bolbéno raggiunsero con le loro greggi i prati di Piandescale, certo non si aspettavano quello che poi successe. Rimasero quindi increduli quando videro, appeso a uno dei larici della zona, un bellissimo quadro che ritraeva la Madonna dei Rosario. - Forse l'ha perso qualcuno... - azzardò uno dei pastori. - Ma sì - lo rimbrottò un altro, - e secondo te uno perde un quadro, dopo averlo appeso col chiodo a un larice? - E allora che ci fa qui, quell'immagine? - Vuoi vedere che... - ...già, e se si trattasse di un miracolo? Quei pastori erano gente buona, semplice e timorata di Dio: la sola idea d'essersi imbattuti in un'immagine miracolosa, lasciata li magari da un Angelo, li riempì a tal punto di gioia, che corsero di filato giù in paese a raccontar tutto al parroco. Venne subito organizzata una grande processione, alla quale parteciparono tutti quelli di Bolbéno, e l'immagine santa fu portata in corteo sulla cima del dosso li vicino, un'ottima posizione per erigervi una cappelletta a protezione della valle. Il giorno seguente, però, l'immaginetta era sparita e, dopo lunghe e affannose ricerche, venne trovata nel medesimo punto di Piandescale, appesa al suo larice! Pensando allo scherzo di qualche malintenzionato, si riformò la processione e il quadro tornò in vista della valle, là dove quelli di Bolbéno avevano deciso di costruire la chiesetta. Ma il giorno dopo il quadro della Madonna aveva fatto ritorno a Piandescale, quasi volesse far capire ai fedeli di Bolbéno che... - Ma si, amici miei - esclamò alla fine il parroco, - il messaggio della Madonna è finalmente chiaro! A Lei piacciono troppo questi prati e questi boschi di larici e non ama essere messa troppo in mostra sulla cima delle colline: è questo il posto in cui costruiremo la chiesetta che ospiterà per sempre l'immagine miracolosa della Madre di Dio! E così avvenne: la chiesetta della Madonna del Làres è ancora oggi assai frequentata dai fedeli e da quanti amano passeggiare per quei luoghi molto belli. A tutti chiede una semplice preghiera e tutti ringrazia per avere, molto e molto tempo fa, assecondato il suo desiderio.